PQesclusive: Loris Nese parla di Defenders of Europe

Share: Qualche mese fa vi presentammo un giovanissimo disegnatore, Loris Giuseppe Nese, sostenedo che si trattasse di uno dei maggiori talenti made in italy, dopo pochi mesi ve lo riproponiamo, […]

Qualche mese fa vi presentammo un giovanissimo disegnatore, Loris Giuseppe Nese, sostenedo che si trattasse di uno dei maggiori talenti made in italy, dopo pochi mesi ve lo riproponiamo, mentre ci racconta la sua prima esperienza con la Emmetre edizioni.

Come nasce la sua collaborazione con Emmetre edizioni

Loris Giuseppe Nese:Mesi fa, credo fosse luglio, mi arriva una mail che mi comunica di aver vinto il primo premio per un concorso di illustrazione indetto dalla Emmetre per promuovere il progetto Defenders. Essendo già piuttosto informato a riguardo, di lì a qualche giorno mi passa per la testa di propormi come disegnatore. La mia proposta viene accettata, e dopo una serie di test eccomi a bordo.

Quale ritiene essere il personaggio o i personaggi graficamente più caratterizzati

Loris Giuseppe Nese:Premesso che finora mi sono trovato per le mani solo due dei personaggi principali, i soli quindi che posso giudicare con cognizione di causa, Eddy White, essendo ispirato a Jack Black, risulta essere il meno confondibile. La fisionomia di Colin Price, al contrario, si trascina dietro un Billie Joe Armstrong di cui però ai fatti si riconosce il solo taglio di capelli, e quindi risulta essere sicuramente meno caratterizzata rispetto a quella di Eddy.

Ci rivela qualche piccola curiosità sulla trama

Loris Giuseppe Nese:Se la scoprite voi mandate un messaggio, perché io ne sono ancora all’oscuro.

Di Ivano Garofalo

About pqeditor