Patrick Fogli e il suo Alfa

download

Oggi andiamo alla scoperta, con questa ampia intervista, rilasciataci in esclusiva , dallo scrittore Patrick Fogli,dei segreti di  “Io sono Alfa .

COME NASCE QUESTO PROGETTO

Patrick Fogli: Da una serie di domande, arrivate per caso e che in realtà casuali non erano, ma il frutto di una riflessione che non ho mai smesso di fare, sul mondo che mi circonda. Cosa saremmo disposti a fare, di fronte a una minaccia che fa veramente sul serio? Cosa resterebbe del nostro stile di vita e cosa potremmo abbandonare in nome di una presunta sicurezza? Cosa reputiamo essenziale della nostra società e cosa barattabile? Ecco, Alfa arriva da lì.

LE INFLUENZE CHE SI POSSONO INTRAVEDERE IN QUESTO LAVORO

Patrick Fogli:A questo non so rispondere. Ogni scrittore è figlio delle sue letture e delle sue esperienze e in quello che scrive confluisce tutto, per forza di cose. Posso solo dire che c’è una citazione esplicita, di 1984, ma calata nel contesto del romanzo. Anzi, forse è esplicita più che altro per me.

CHI SONO I PERSONAGGI PRINCIPALI

Patrick Fogli:Paolo, un giornalista di quelli veri, a caccia di notizie e non di veline delle agenzie. Uno che cerca di trovare un barlume di verità, anche con la lettera minuscola, in quello che accade. Interessato a una soluzione, alla scoperta dei fatti.

Francesca, un chirurgo, colpita in modo pesante da Alfa nella sua vita. La donna che rappresenta tutti, che reagisce di pancia, mescolando rabbia e dolore e chiedendosi, poi, cosa sia rimasto della sua umanità e come fare a conservarla.

Gualtiero, un politico che fin dal nome doveva sembrare di un’altra epoca, quando la politica poteva davvero cambiare la vita della gente e non si era ridotta a puro marketing. Gualtiero è anziano, molto e vive quello che accade con la coscienza e ragionevolezza di chi ne capisce le motivazioni, le ragioni profonde, quasi inevitabili. E a cui nessuno crede.

IL TEMPO E IL LUOGO DELLA NARRAZIONE

Patrick Fogli:L’Italia di oggi, a volte con riferimenti sfumati ai luoghi.

images

LE PRINCIPALI DIFFICOLTA’ NELLO SVILUPPARE QUESTA TRAMA

Patrick Fogli:Non è stato diverso dagli altri romanzi, funziona sempre un po’ allo stesso modo. Una parte in cui la storia resta ferma, si sedimenta, in cui serve pensare. E una volta chiarito tutto, scrivo. È sempre andata così.

COME E’ STATO LAVORARE SU QUESTO PROGETTO

Patrick Fogli:Serviva una lingua diversa, più asciutta. Che è venuta fuori da sola, accompagnata dalla storia. Lavorare su Alfa, però, significa anche portarlo in giro, ascoltare i lettori e sono molto felice che chi ha letto il libro lo abbia amato così tanto. Anche se volevo spaventare con qualcosa di reale, quotidiano, possibile, con la sensazione di vivere già nel mondo di Alfa, in assenza di Alfa.

Di Ivano Garofalo

 

About pqeditor