Laura Fornasari e il suo Ishtar

ishtar29-09-14 005

Oggi andiamo alla scoperta, con questa ampia intervista, rilasciataci in esclusiva , dall’autrice Laura Fornasari  , ovvero l’ideatore del romanzo  “Le Lacrime di Ishtar , che ci condurrà alla scoperta del suo volume.

COME NASCE QUESTO PROGETTO

Laura Fornasari: Chi non ha mai trovato affascinante la figura del drago, da sempre emblema del genere fantasy? Si può dire che la prima idea per questo libro sia nata molto tempo fa, quando avevo tredici anni e mi sono fatta conquistare dalle atmosfere epiche ed incantate della letteratura fantastica. Atmosfere che ho ritrovato anche nel mondo dei giochi di ruolo. È stato allora che ho cominciato a pensare al tema portante della storia: un protagonista mezzosangue, in parte umano e in parte una creatura potente e mitologica. Inserirlo nel contesto di un racconto fantasy e avventuroso è stata la logica conseguenza.

IL GENERE LETTERARIO DI RIFERIMENTO

Laura Fornasari: Il genere è senza dubbio quello del fantasy classico: includo sicuramente Tolkien, ma l’influenza maggiore l’ha avuta la saga di Dragonlance di Weiss e Hickman. Magia, un gruppo di fuggitivi, duelli all’arma bianca: troverete naturalmente tutto questo, ma non solo. Il mio è un libro fantasy che si concentra in particolare sui personaggi, le loro vicende e la loro crescita.

CHI SONO I PERSONAGGI PRINCIPALI

Laura Fornasari: Ci sono più personaggi, ma la storia si concentra su due di loro in particolare. Hennet, il protagonista, è un ragazzo che si trova a fare i conti con la scoperta di essere un mezzo drago, al suo fianco c’è Arakun, fin dalla nascita segnato dal suo essere mezz’orco. Due personaggi diametralmente opposti, ma in questo caso accomunati dal fatto di essere mezzosangue.

ishtar29-09-14 006IL TEMPO E IL LUOGO DELLA NARRAZIONE

Laura Fornasari: È un altro tempo e un altro luogo. Teatro della vicenda sono i quattro reami, una piccola porzione di un mondo governato da sette divinità, dove la magia è reale, i draghi camminano nascosti sotto sembianze umane, e i contadini sbarrano la porta di notte per non attirare l’attenzione delle creature del Piccolo Popolo.

CI RIVELI QUALCHE CURIOSITA’

Laura Fornasari: La prima idea per i protagonisti della storia mi venne leggendo un manuale di gioco di ruolo, quando mi capitò sotto gli occhi la descrizione di un personaggio mezzo drago. Fu allora che iniziai a pensare a quelli che sarebbero stati i personaggi portanti della trama. Mi sembravano personaggi interessanti, di cui mi sarebbe piaciuto scrivere, ma ci sono molti risvolti più profondi che sono venuti fuori naturalmente, come sempre succede.

 Di Ivano Garofalo

About pqeditor